Info e servizi

A Milano, la dott.ssa Caterina Martucci tratta con successo molte malattie, acute e croniche, utilizzando le tecniche della Medicina Cinese: Agopuntura, Dietetica, Fitoterapia, Qi gong e Meditazione. Fissa anche tu un colloquio gratuito.

Temi trattati

Postato da il Feb 20, 2018 in La lunga vita | 0 commenti

Solo la prevenzione può dare una vita lunga e serena anche dopo i cinquantanni

Solo la prevenzione può dare una vita lunga e serena anche dopo i cinquantanni

La medicina cinese afferma che prevenire premia più che trattare i disturbi già manifesti e radicati.
La prevenzione primaria riguarda l’identificazione dei fattori preesistenti di disequilibrio che possono al momento del climaterio (periodo critico) e poi della vecchiaia aggravare il decadimento dell’attività funzionale del Rene e favorire l’insorgenza di sindromi complesse, dovute al deficit concomitante di più organi, le cui attività sono spesso sinergiche.

Una volta identificate le cause che hanno originato la malattia occorre che l’individuo con grande senso di responsabilità oltre che curarsi,  impari  ad evitare tutto ciò che può indurre nuove ricadute.

Ecco qui di seguito elencati i fattori che, da soli o in associazione, danneggiano e indeboliscono il Rene, favorendo per questo la comparda di invecchiamento precoce e il danneggiamento della qualità di vita nell’età avanzata.

Uno stato cronico di ansietà e di paura  – Uno stato cronico di ansietà e di paura danneggia il Rene e, a seconda della costituzione dell’individuo può prevalentemente interessare la radice yin (in tal caso il “Fuoco vuoto” sale e disturba la mente), oppure la radice yang.

L’eccesso di attività sessuale – Durante l’atto sessuale, sia l’uomo che la donna perdono delle secrezioni, che sono manifestazioni esterne dell’essenza immagazzinata nel Rene. Se queste perdite sono eccessive, rispetto alle potenzialità di recupero dell’individuo, possono via via condurre ad un ulteriore impoverimento di yin, nelle persone tendenzialmente inclini al deficit di yin; in coloro che tendono verso il deficit dello yang, potrà aversi un ulteriore decadimento del Fuoco di mingmen.
Ognuno dovrebbe regolare la propria attività sessuale in relazione all’età, allo stato di salute e alla stagione (maggiore in Primavera e minore in Inverno), guidato in questo dalla valutazione energetica fatta dal medico.
Va ricordato che la Medicina Cinese riconosce una maggiore gravità alle perdite di jing maschile (sperma), in quanto la donna sarebbe in grado di restaurarlo più rapidamente. La tradizione taoista suggerisce, tra le tecniche di lunga vita, di condurre l’atto sessuale secondo precise norme volte ad evitare l’emissione del seme ed il depauperamento dell’essenza innata.
Le donne, d’altra parte, sono più soggette a perdite di jing e di yin in occasione delle gravidanze, specie se ravvicinate, dell’allattamento e del flusso mestruale.

Le malattie croniche e debilitanti  – Ogni malattia protratta finisce per danneggiare il Rene a causa della relazione che lega questo organo, fondamento di tutte le energie del corpo, agli altri organi e visceri.

L’eccesso di lavoro e l’alimentazione sregolata  – Troppo lavoro mentale protratto nel tempo ed abitudini di vita errate, quali una alimentazione inadeguata, in qualità e quantità, possono danneggiare il rene e soprattutto indebolire lo yin.

È soprattutto importante che il medico individui i fattori latenti di disarmonia e l’eventuale esistenza di una tendenza di fondo verso la carenza dello yin o dello yang. Le persone tendenti al deficit di yin sono magre, vigorose, scattanti, veloci nei movimenti portati all’iperattività e all’insonnia, irrequieti e irritabili.Sono spesso affamati e la sensazione di fame può accompagnarsi a sensazione di mancamento, cefalea o irritabilità (il Fegato aggredisce la Milza temporaneamente in vuoto); vi è sete di bevande fredde. La lingua è rossa e senza induito, il polso è rapido e fine.Se maschi, possono mostrare tendenza all’ejaculazione precoce; se donne all’irritabilità premestruale e, durante la menopausa, manifestano vampate di calore al viso e sindromi ansiose.In queste persone l’eccesso di attività sessuale comporta con la perdita di sperma (essenza torbida) un ulteriore impoverimento di yin. Ansietà e paura, a loro volta possono portare ad un deficit associato di yin di Rene e di Cuore.

Le persone tendenti al deficit di yang hanno un corpo pesante con tendenza al gonfiore per accumulo di acqua e mucosità. Sono lente, ipoattive, portate a dormire molto; hanno poco appetito, ma mangiano lo stesso per noia o abitudine e tendono ad accumulare peso per ridotta capacità dello yang di Milza a trasformare e trasportare. La sete è scarsa e di bevande calde o a temperatura ambiente. Il polso è lento, profondo, scivoloso; la lingua è pallida e gonfia con induito bianco e scivoloso.Vi poco interesse anche verso l’attività sessuale. Il maschio tende a raggiungere l’erezione lentamente; la donna tende alla depressione, sia prima del mestruo, che dopo la menopausa.

Solo la prevenzione può dare una vita lunga e serena anche dopo i cinquantanni

Le misure  principali di prevenzione riguardano la:

  • regolazione dell’igiene di vita ;
  • alimentazione appropriata ;
  • pratica di esercizi di qigong, interno ed esterno
  • pratica delle tecniche di meditazione

Di seconda istanza, se l’autoterapia non è sufficiente è utile ricorrere a:

Suggeriamo anche la lettura di due articoli presenti in questo blog dedicati alla prevenzione:

Soffri di disturbi o dolori cronici che desideri CURARE?

CONTATTAMI SUBITO per fissare un APPUNTAMENTO per un COLLOQUIO GRATUITO.


Caterina Martucci
Galleria Strasburgo, 3 Milano, Italia 20122
Phone: 339 8935325