Info e servizi

A Milano, la dott.ssa Caterina Martucci tratta con successo molte malattie, acute e croniche, utilizzando le tecniche della Medicina Cinese: Agopuntura, Dietetica, Fitoterapia, Qi gong e Meditazione. Fissa anche tu un colloquio gratuito.

Temi trattati

Postato da il Mar 21, 2017 in Lo sai che | 0 commenti

Digestione e infiammazione vanno insieme

 

Digestione e infiammazione vanno insieme

La digestione va insieme con l’infiammazione

Quando mangiamo, assumiamo nutrienti e, in aggiunta, una quantità significativa di batteri. Il corpo fa fronte contemporaneamente a due attività diverse, quella di distribuire il glucosio assorbito dagli alimenti e quello di combattere i batteri ingeriti. Questa seconda azione – secondo quanto hanno dimostrato per la prima volta i ricercatori dell’Ospedale Universitario di Basilea – è attivata da una risposta infiammatoria che stimola il sistema immunitario delle persone sane e ha un effetto protettivo. Nelle persone in sovrappeso, tuttavia, questa risposta infiammatoria è fortemente carente, tanto da  condurre al diabete.
È ben noto che il diabete di tipo 2 (quello che esordisce da adulti) conduce a una infiammazione cronica con molti effetti negativi. In molti studi clinici i diabetici sono stati trattati in modo da impedire l’iper-produzione di una sostanza coinvolta nel processo, l’interleuchina-1 beta (IL-1beta), che nei pazienti diabetici attiva l’infiammazione cronica e fa morire le cellule beta produttrici di insulina.

Attivazione del sistema immunitario
Tuttavia questa infiammazione ha qualche effetto positivo, come è stato riportato recentemente dai ricercatori del Department of Biomedicine at the University and the University Hospital Basel, nella rivista Nature Immunology.

Nelle persone sane una risposta infiammatoria di breve durata gioca un ruolo importante nell’assunzione di zucchero e nell’attivazione del sistema immunitario.
Nel loro lavoro il prof. Marc Donath, Head of the Department of Endocrinology, Diabetes and Metabolism at the University Hospital Basel, e il suo gruppo di ricerca hanno dimostrato che il numero di macrofagi  (un tipo di cellule immunitarie) aumento durante il pasto intorno agli intestini. Queste cellule chiamate ” scavenger”( sinonimo di macrofagi) producono quantità variabili, in base alla concentrazione di glucosio nel sangue di IL-1beta, una sostanza messaggero. Essa stimola la produzione di insulina nelle cellule beta del pancreas, che, a sua volta, attiva la produzione di IL-1beta da parte de macrofagi.
Insulina e IL-1beta lavorano insieme per controllare la glicemia, mentre la sostanza messaggero IL-1beta fa in modo che il sistema immunitario riceva glucosio e rimanga attivo.

Batteri e nutrienti
Secondo i ricercatori, questo meccanismo riguardante il metabolismo e il sistema immunitario dipendono dai batteri e dai nutrienti ingeriti durante i pasti. Con una sufficiente quantità di nutrienti, il sistema immunitario è in grado di combattere in modo adeguato i batteri esterni. Al contrario, quando i nutrienti scarseggiano essi vengono riservati alle funzioni vitali essenziali a scapito delle difese immunitarie. Questo potrebbe spiegare perché le malattie infettive si manifestano in modo èiù aggressivo in tempi di carestia.
(Science Daily, January 16, 2017) 

Soffri di disturbi o dolori cronici che desideri CURARE?

CONTATTAMI SUBITO per fissare un APPUNTAMENTO per un COLLOQUIO GRATUITO.


Caterina Martucci
Galleria Strasburgo, 3 Milano, Italia 20122
Phone: 339 8935325