Info e servizi

A Milano, la dott.ssa Caterina Martucci tratta con successo molte malattie, acute e croniche, utilizzando le tecniche della Medicina Cinese: Agopuntura, Dietetica, Fitoterapia, Qi gong e Meditazione. Fissa anche tu un colloquio gratuito.

Temi trattati

Postato da il Mag 2, 2017 in La cura del dolore, Medicina interna e non solo | 0 commenti

Erpes Zoster: diagnosi e terapia con Agopuntura e Medicina Cinese

Erpes Zoster: diagnosi e terapia con Agopuntura e Medicina Cinese

L’Erpes zoster, noto anche come Fuoco di Sant’Antonio, è una malattia infiammatoria dei nervi che si diramano in  una certa area del corpo. È peculiare l’eruzione dolorosa di vescicole in una ben delimitata parte del corpo, in genere monolaterale, più spesso al torace.

Come si manifesta

Inizia con febbricola, brividi e malessere, seguita nel giro di pochi giorni dalla comparsa di sensazioni di dolore nevralgico acuto, ipersensibilità e prurito in certe aree del corpo, che presto si accompagnano alla eruzione sulla pelle (del torace, talora anche di gambe e braccia, più raramente del viso) di lesioni, rappresentate  da papule rosse che successivamente evolvono in vescicole e pustule. Nel giro di tre giorni il contenuto delle vescicole diviene giallo e si asciuga, ma contemporaneamente possono affiorare nuove lesioni. La guarigione avviene in genere nel giro di due settimane.

La diagnosi

I nervi più spesso interessati sono quelli intercostali, lombari, sacrali e trigeminali e più raramente il nervo oculomotore. L’agente virale in causa è quello  della varicella-zoster. La comparsa della sindrome prevale nelle persone adulte e anziane, e  specialmente in nelle persone, anche giovani, con difese immunitarie carenti.

Erpes Zoster: diagnosi e terapia con Agopuntura e Medicina Cinese

L’Erpes Zoster e  la Medicina Cinese

La peculiarità della Medicina Cinese è quella, formulata la diagnosi, di accelerare la guarigione della malattia, trattando simultaneamente la lesione erpetica e il dolore. Si consegue la piena guarigione nel giro di dieci giorni, senza complicanze post-erpetiche.

Secondo la medicina Cinese, le cause in gioco possono essere due:

1.  “Il Fuoco divampa nel meridiano di Fegato”

Le lesioni proprie di questa sindrome sono vescicole con pareti spesse di colore rosso vivo e il dolore viene descritto come di ‘punture brucianti’. Altri sintomi sono la sensazione di bocca amara, gola asciutta, sete con desiderio di bevande fredde, stipsi, irrequietezza e irascibilità. La punta della lingua è rossa e vi è una diffusa patina gialla. I polso sono rapidi e tesi.
La metodica terapeutica  consiste nel  “purificare” il Fegato e a drenare il Calore. Si associa agopuntura e fitoterapia cinese per trattare la malattia in modo rapido e senza residui nevralgici.

2. “Presenza di Umidità Calore nel meridiano di Milza”

In questa varietà, le manifestazioni della malattia sono caratterizzata da presenza di vescicole  più grandi e ripiene di un liquido sieroso di colore bianco tendente al giallo. Le pareti delle
vescicole sono sottili, si rompono facilmente e possono evolvere in pustule con presenza di pus. Queste lesioni fanno più male di quelle asciutte. Nei casi più severi compaiono anche aree di necrosi. Sintomi generali di accompagnamento sono: inappetenza, stanchezza, gonfiore addominale ed emissione di feci non formate. La lingua è gonfia con patina appiccicosa e gialla; i polsi sono profondi e ‘scivolosi’. La strategia terapeutica si basa sul rafforzare e tonificare la Milza, risolvere l’umidità e purificare il calore. Le tecniche terapeutiche più utilizzate sono l’agopuntura, associata alla correzione dietetica e alla fitoterapia cinese.

La complicanza più comune, benché non frequente, è la nevralgia post-erpetica; si manifesta specie nelle persone debilitate o non curate in modo tempestivo e accurato.

Soffri di disturbi o dolori cronici che desideri CURARE?

CONTATTAMI SUBITO per fissare un APPUNTAMENTO per un COLLOQUIO GRATUITO.


Caterina Martucci
Galleria Strasburgo, 3 Milano, Italia 20122
Phone: 339 8935325