Info e servizi

A Milano, la dott.ssa Caterina Martucci tratta con successo molte malattie, acute e croniche, utilizzando le tecniche della Medicina Cinese: Agopuntura, Dietetica, Fitoterapia, Qi gong e Meditazione. Fissa anche tu un colloquio gratuito.

Temi trattati

Postato da il Mar 20, 2018 in Lo sai che | 0 commenti

Che dieta seguire: povera di grassi o di carboidrati? Pare si equivalgano

Che dieta seguire: povera di grassi o di carboidrati? Pare si equivalgano, secondo uno nuovo studio.

Secondo uno studio condotto presso la Stanford University School of Medicine, sia la dieta basata sulla ridotta assunzione dei carboidrati che quella basata sulla riduzione dei grassi portano alla perdita del peso in eccesso in ugual misura. In aggiunta nello studio si è indagato se la concentrazione di insulina o l’appartenenza a uno specifico modello genotipico possano fare predire un successo individuale con una delle due diete. La risposta è stata negativa.
Ricerche precedenti hanno mostrato che un’ampia gamma di fattori, includenti quelli genetici, la concentrazione di insulina e il microbioma  potrebbe rovesciare la bilancia quando si tratta di perdere peso.

Il nuovo studio pubblicato in JAMA, ha puntato sulla genetica e l’insulina, per scoprire se queste sfumature della biologia stimolano il corpo di una persona a favorire una dieta povera di carboidrati o una povera di grassi.
Vennero per questo studio reclutati 609 partecipanti, metà uomini e metà donne di età compresa tra i 18 e i 50 anni. Essi vennero assegnati a caso a uno dei due gruppi: povero di carboidrati uno o povero di grassi, l’altro.
Ai partecipanti di ognuno dei due gruppi venne chiesto di rimanere a dieta per un anno. (Entro la fine dell’anno il 20% dei partecipanti abbandonò lo studio per circostanze esterne)

Nelle otto settimane iniziali dello studio, venne chiesto ai partecipanti di limitare la loro assunzione quotidiana di carboidrati o di grassi a 20 grammi, equivalente all’incirca alla quantità presente in una fetta e mezza di pane integrale o in una manciata generosa di nocciole, rispettivamente. Dopo il secondo mese , il gruppo dei ricercatori istruì i due gruppi ad aggiungere gradualmente 5-15 grammi di grassi o di carboidrati, al fine di raggiungere un equilibrio che avrebbero potuto mantenere tutta la vita.
Alla fine dei 12 mesi, coloro che seguivano la dieta a basso contenuto di grassi riportarono una assunzione media giornaliera di 57 grammi; quelli che seguivano la dieta a basso contenuto di carboidrati ingerivano circa 132 grammi di carboidrati al giorno. Va segnalato che il consumo medio per partecipante prima che lo studio iniziasse era per i grassi di 87 grammi al giorno e per i carboidrati all’incirca di 247 grammi.

Va anche evidenziato che in ogni caso la dieta era basata sul consumo di alimenti salutari con esclusione di zuccheri semplici e di grassi saturi. […]
Probabilmente l’insegnamento maggiore derivante da questo studio è che la strategia fondamentale per perdere peso corporeo in entrambi i gruppi è la stessa. Mangiare meno zucchero, meno cereali raffinati e mangiare molti vegetali (frutta, verdura, legumi, noci, nocciole e semi vari). (Science Daily, February 20, 2018) 

Soffri di disturbi o dolori cronici che desideri CURARE?

CONTATTAMI SUBITO per fissare un APPUNTAMENTO per un COLLOQUIO GRATUITO.


Caterina Martucci
Galleria Strasburgo, 3 Milano, Italia 20122
Phone: 339 8935325